Eurovision i Maneskin trionfano con Zitti e Buoni foto

Eurovision: i Maneskin trionfano con Zitti e Buoni

Eurovision: i Maneskin trionfano con Zitti e Buoni.
La band riporta la manifestazione in Italia dopo 31 anni. Prima di loro gli unici ad averla vinta furono Toto Cutugno nel 1990 e Gigliola Cinquetti nel 1964.

Eurovision: i Maneskin trionfano con Zitti e Buoni – i dettagli

È stata la vittoria del pubblico, che ha ribaltato il verdetto della giuria.
I Maneskin si sono esibiti all’Ahoy Arena di Rotterdam dimostrando una sicurezza sul palco che pochi possono vantare.
La band poco dopo ha anche festeggiato con un post sui propri canali social ufficiali in cui si leggeva:
Rock’n’roll never dies, tonight we made history. We love u“.
Tradotto in italiano: “Il Rock’n’roll non muore mai, stanotte abbiamo fatto la storia. Vi amiamo“.
Giovani, ribelli e talentuosi. Potremmo definire così, con queste tre parole il gruppo.

La band

La band è formata da Damiano David (voce), Victoria De Angelis (basso), Thomas Raggi (chitarra) ed Ethan Torchio (batteria).
Alle spalle hanno una carriera iniziata appena pochi anni fa ma già piena di soddisfazioni.
La svolta è arrivata sicuramente con la partecipazione all’edizione italiana di X-Factor nel 2027. Si classificano secondi ma era solo il punto d’inizio di una scalata che pare oggi inarrestabile.

La discografia del gruppo

La discografia dei Maneskin si compone di due full length, “Il ballo della vita” (uscito nel 2018) e “Teatro d’ira – Vol. I“, uscito a febbraio di quest’anno, subito dopo la vittoria al Festival di Sanremo. Ad essi bisogna inoltre aggiungere un Ep, “Chosen“, uscito nel 2018 e nove singoli tratti dalle pubblicazioni precedentemente menzionate.

Il presente e il futuro della musica italiana sono loro, i Maneskin

I Maneskin rappresentano il presente e il futuro della musica italiana con il loro Rock che trae spunto da molti artisti italiani e internazionali.
Lunga vita ai Maneskin!

Foto tratta dalla pagina facebook ufficiale della band

Post Author: Marco Vittoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *